“On – oltre nuove imprese a tasso zero”

“On – oltre nuove imprese a tasso zero”

Aperto il bando del MISE che sostiene i giovani under 35 e le donne di qualsiasi età che vogliono diventare imprenditori o che lo sono diventati da meno di cinque anni. Per loro a disposizione un’agevolazione composta in parte da un finanziamento agevolato a tasso zero, in parte da un contributo a fondo perduto fino al 90% della spesa ammissibile. Scopri come partecipare.

È stato riaperto dal 24 marzo 2022 lo sportello ON – Oltre Nuove imprese a tasso zero, l’incentivo del MISE per i giovani tra i 18 e i 35 anni e le donne di qualsiasi età che vogliono diventare imprenditori o che lo sono diventati da meno di cinque anni.

Le agevolazioni sono valide in tutta Italia e prevedono un mix di finanziamento a tasso zero e contributo a fondo perduto fino al 90% delle spese totali ammissibili, per progetti d’impresa con spese fino a 3 milioni di euro.

La dotazione complessiva del bando è di 150 milioni di euro. Le domande di partecipazione vanno inoltrate su piattaforma Invitalia e saranno accettate fino ad esaurimento dei fondi disponibili.

La Confcommercio di Arezzo è a disposizione di quanti abbiano bisogno di assistenza per la compilazione delle domande.

Di seguito, una scheda di sintesi della misura.

A chi è rivolto

ON – Oltre Nuove imprese a tasso zero si rivolge alle micro e piccole imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne di tutte le età, su tutto il territorio nazionale. Sono ammissibili le imprese che abbiano una compagine sociale composta per almeno il 51% da giovani under 35 e da donne di tutte le età. La maggioranza si riferisce sia al numero di componenti donne e/giovani presenti nella compagine sociale sia alle quote di capitale detenute. Ad esempio, una società composta solo da un uomo over 35 e una donna/uomo under 35 non saranno ammessi al finanziamento, è richiesta una terza persona che abbia i requisiti.

Accedono al finanziamento le imprese costituite entro i 5 anni precedenti con regole e modalità differenti a seconda che si tratti imprese costituite da non più di 3 anni o da imprese costituite da almeno 3 anni e da non più di 5.

Anche le persone fisiche possono presentare domanda di finanziamento, con l’impegno di costituire la società dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni

Cosa finanzia

Le imprese possono richiedere il finanziamento per realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare le attività esistenti. La copertura delle spese ammissibili può arrivare al 90% da rimborsare in 10 anni. Non sono richieste garanzie in caso di finanziamenti inferiori a 250 mila euro; è prevista invece la garanzia sotto forma di privilegio speciale per i finanziamenti superiori a 250 mila euro È sempre richiesta l’ipoteca per i progetti di investimento che prevedono l’acquisto di un immobile. I piani di impresa devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda e devono essere conclusi entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.

Sono previste due linee di finanziamento con programmi di spesa e regime di aiuti diversi, a seconda che le imprese siano costituite da non più di 3 anni oppure da almeno 3 e non più di 5 anni.

  • Per le imprese fino a 3 anni

Le imprese costituite da non più di 3 anni possono presentare progetti di investimento fino a 1,5 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o sviluppare attività esistenti nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo. La copertura delle spese ammissibili può arrivare al 90% da rimborsare in 10 anni. Possono accedere ad un mix di finanziamento a tasso zero e contributo a fondo perduto che non può superare il limite del 20% della spesa ammissibile. Le imprese possono richiedere anche un contributo per la copertura delle esigenze di capitale circolante collegate alle spese per materie prime e servizi necessari allo svolgimento dell’attività d’impresa. Il contributo può arrivare fino al 20% delle spese di investimento.

  • Per le imprese tra i 3 e i 5 anni

Le imprese costituite da almeno 3 anni e da non più di 5 possono presentare progetti che prevedono spese per investimento fino a 3 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti, nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo. Le agevolazioni consistono nel mix di tasso zero e fondo perduto, che non può superare il limite del 15% della spesa ammissibile.

Contatti 

Area Progetti Speciali: Marco Poledrini

Telefono 0575 350755

Email: marco.poledrini@confcommercio.ar.it



Lascia un commento

Sito web e marketing